fbpx

Articles Posted in the " Francesco Randazzo " Category

  • Il paladino del Vitalismo Roccioso

    di Francesco Randazzo Gianandrea Midulla ha concluso il suo passaggio terreno il 24 ottobre scorso, ottemperando alla ineluttabile legge di natura che impone che qualsiasi cosa nasca poi debba morire. Senza nessuna tristezza quindi lo salutiamo qui, ma un velo di malinconia ci appanna gli occhi quando pensiamo alla sua instancabile opera di paladino del […]


  • Strani reperti nel deserto terrestre. La relazione degli archeologi

    di Francesco Randazzo Relazione degli archeologi Spedizione del Dipartimento Archeologico di Marte, anno 4753 della IV Era Gwartamia Gli scavi del bacino desertico della Mediaterra hanno rivelato numerosi elementi che pongono molti interrogativi ai quali abbiamo tentato di dare delle risposte. Le nostre conclusioni ribaltano completamente le teorie che in campo archeologico erano finora ritenute […]


  • Quel magico viaggio nel tempo con Cervantes e Veneziano

    Il nuovo romanzo di Francesco Randazzo, “I duellanti di Algeri”, trasporta nella sconfinata immaginazione dei due grandi scrittori del Cinquecento. Ricordandoci le contraddizioni di oggi   di Gabriele Bonafede Due uomini leggendari, in una leggendaria storia: Miguel Cervantes e Antonio Veneziano. Due amici come non mai, la loro prigionia ad Algeri e i loro tentativi […]


  • La rigenerazione ne “La rondine” di Guillem Clua

    Al Teatro Biondo di Palermo il testo del drammaturgo spagnolo interpretato da Lucia Sardo e Luigi Tabita con la regia di Francesco Randazzo. Attraversando degenerazione, rigenerazione e comprensione   di Gabriele Bonafede La stagione del Biondo 2018-2019 intitolata [de]generazioni, si conferma particolarmente interessante con “La rondine” di Guillem Clua (titolo originale “La golondrina”), alla Sala […]


  • Il gatto di Cartesio e la Libreria Prampolini

    di Francesco Randazzo   Le pagine frusciano, rompendo il silenzio della notte, tra gli scaffali serpeggia un fremito un poco ansioso e scricchiolante. Le luci sono spente, è mezzanotte, la libreria è chiusa, eppure pervade le sale un bagliore azzurrino, che in corrispondenza con le vetrine, si mischia con il riverbero dell’illuminazione della strada. Come […]


  • Quinta dimensione, scrittura e fruizione nella realtà parallela

    di Francesco Randazzo I due più bei tweet che io conosca sono stati scritti decenni prima l’avvento di Internet e di Twitter. “Mi illumino di immenso.” E anche: “Ognuno sta solo sul cuore della terra, trafitto da un raggio di sole. Ed è subito sera.” Naturalmente né Ungaretti né Quasimodo avrebbero mai sospettato di far parte dei cinguettanti comunicatori contemporanei. Possiamo immaginare, […]


  • Guerra e Pace, il breve passo verso l’abisso

    di Francesco Randazzo Quanto poco la pace sia un sentimento o meglio un’aspirazione universale, ce lo dimostrano le innumerevoli morti che ogni giorno affollano i media e i social network. Alle guerre reali si sovrappongono quelle dei commenti, feroci e divisi, che si leggono su Facebook o su Twitter, o le orribili conte delle vittime […]


  • Tutta la verità nel piacere di leggere

    di Francesco Randazzo Diciamo la verità, nel piacere di leggere ognuno di noi mente. Almeno un po’, almeno qualche volta, per non sembrare da meno, per darsi un tono, perché, insomma, tutti lo fanno e perché dovrei essere io il primo a non farlo? Ci sono libri che fingiamo d’aver letto. Tipo l’Ulysse di Joyce, […]


  • I Sumeri e i libri del terzo millennio

    di Francesco Randazzo L’odore dei libri è meraviglioso. La consistenza della pagina un’esperienza sensoriale magnifica. Le copertine seducenti ammiccamenti. Di questo sono convinto anch’io. Amo i libri, da sempre. Nel corso del tempo ne ho accumulati quattromila o giù di lì. Una casa senza libri per me è vuota, e non lo nego, mi ispira […]


  • La stanza del presepe e l’infanzia di Giovanni Falcone

    di Francesco Randazzo Piccolo gioiellino di narrativa “La stanza del presepe” di Angelo Di Liberto, che attraverso lo sguardo infantile di un ragazzino, Giovanni Falcone, non ancora giudice, non ancora martire, ma già pervicace e ostinato, ci conduce nella temperie della paura soffusa e penetrante di una Palermo attanagliata dalla mafia. Il simbolismo del presepe, […]