Pd e Italia Viva, una difficile convivenza alterata dalla stampa

di Vncenzo Pino

La stampa alimenta una narrazione della politica che cambia riferimenti e scenari ogni giorno. A fronte di una serie di richieste di modifica alla manovra, avanzate in contemporanea, da Italia Viva e Movimento Cinque Stelle, si è subito parlato di un asse Renzi-Di Maio contro quello Zingaretti-Conte.



Leopolda 10: Renzi, partecipanti e logo Italia Viva

Accolte da parte di Conte le modifiche richieste dai cinque stelle si è subito cambiato direzione inventando un’asse Di Maio-Conte per isolare Renzi.

E allo stesso tempo si è inventato lo scenario dell’asse Franceschini-Renzi per isolare Conte e Zingaretti.

Che strateghi.

Quali siano i presupposti e i percorsi per giungere a queste ipotesi non è dato sapere e neanche i mezzi per realizzarli.

Giacché per cambiare un governo occorrono maggioranze parlamentari che escludono qualsiasi divisione tra i quattro contraenti dell’alleanza di governo.




Per  cui non esistono governi alternativi a questo o con una diversa configurazione.

La crisi di governo condurrebbe immediatamente alle elezioni anticipate. Che non conviene a nessuna delle forze politiche al governo.

Ma la rappresentazione complottarda deve ormai avere affascinato i commentatori politici ed é riuscita a contagiare anche importanti protagonisti della vita politica del Paese. I quali sono persino arrivati a confondere Papeete e Leopolda.



Truman show, Pd e Italia Viva

Si vive una specie di Truman show permanente in cui tutto è scena e si perdono i contenuti strategici e identitari delle diverse forze politiche.

A fronte della manovra i riferimenti sono stati chiari. Italia Viva punta ad abbassare il carico fiscale.

Truman show

Si è, perciò, opposta dall’inizio a qualsiasi rimodulazione dell’Iva, al sistema delle mini tasse su merendine, imballaggi, bevande e cedolare secca sugli affitti. Ricercando invece nella crescita produttiva, nella spending review e nella lotta agli sprechi le risorse per consentire investimenti e distribuzione di reddito.

Italia Viva classifica quota cento come un provvedimento che non guarda a giovani e lavoro, visti anche i risultati di quest’anno e il costo esorbitante dell’operazione.

Il Movimento Cinque Stelle, dopo un assenso di massima alla manovra, che non a caso è stata approvata senza intese, si è sintonizzata su una lunghezza d’onda che li ha allontanati dall’iniziale atteggiamento punitivo e superficiale sulla evasione fiscale.

Per cui: no all’abbassamento del contante nell’immediato, introduzione della obbligatorietà del pos, ma solo nei mesi a seguire, dopo aver abbassato le commissioni bancarie.

E tutto questo ha fatto fibrillare e fa fibrillare ancora un Pd che appare incerto e timoroso nella sua azione di governo.




Il Pd nella sua attuale direzione si sa che vive abbastanza male questa fase della vita politica e avrebbe preferito le elezioni anticipate che minaccia un giorno sì e un giorno sempre come se ne fosse il sicuro vincitore. 

Fenomeno evidenziato dalle dichiarazioni altalenati di Zingaretti che un giorno dice una cosa per contraddirla l’indomani.  E invece bisogna abituarsi a questa dimensione del confronto Pd e Italia Viva, oggi, da parte del Pd.




La scissione, infatti, non è stata dettata prevalentemente da incomprensioni personali quanto da visioni strategiche abbastanza differenti tra una componente socialdemocratica e una liberal democratica.

E a questo proposito la Leopolda ha rafforzato coesione e identità programmatica della nuova formazione nel senso indicato.

 

 


DIVENTA FAN DI MAREDOLCE SU FACEBOOK: Clicca QUI. Ti aspettiamo!