14 Aprile 2021

1 thought on “Perché non avrei votato Orlando anche se avesse accettato il simbolo del PD

  1. A Palermo come nel resto del Paese esistono tanti rivoli di quelli che erano una volta le organizzazioni di sinistra. E sono talmente effimeri che spesso si nota solo la loro scomparsa.In tutto ciò il Partito Democratico che da tempo ormai non sa esprimere un proprio candidato sindaco al momento di elezioni cosa fa? Si accoda a colui o a coloro che gli da certe sicurezze e garanzie in termini di posti (non mi dite che non è cosi!), mettendosi a disposizione perfino del nemico del giorno prima ed accasandosi nella sua alcova, tanto anche se perde qualche compagno per strada poco importa. L’importante è salvaguardare tutta quella schiera che una volta si poteva chiamare classe dirigente e oggi diventata yes man per la propria incapacità decisionale ed organizzativa. Nel mentre una destra fintamente divisa, a prescindere da chi sarà il sindaco della città e di quell’area metropolitana della quale nessuno azzarda un cenno, una volta arrivata in consiglio comunale si ricompatterà e decideranno loro le sorti della quinta città d’Italia. Tanti auguri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *