26 Luglio 2021

2 thoughts on “Il pamphlet rivoluzionario che fu lanciato sulla carrozza del re

  1. Mi permetto di aggiungere a quanto scritto dal professor Hamel poche parole tratte da Giacinto de’ Sivo, Storia delle Due Sicilie dal 1847 al 1861, Roma, Tipografia Salviuxxi, 1863, vol. I, pp.119, ricordando che il de Sivo fu apologeta del regime borbonico:
    [La polizia] era invisa pe’ Gendarmi: ve n’era di buoni e mali, come da per tutto, ma i mali eran troppi; i più baldanzosi, dispotici, veniali, avean soprattutto nelle provincie organati abusi e furti, con faccia quasi legale. […] Più odiata era la polizia per quei suoi bassi adepti detti uomini di “fiducia”, cui il popolo corrompendo a dileggio appellava “feroci”. Questi avean soldo misero, e talvolta nulla; e avendo a mangiare e tener casa e mogli e figli, si davano a ogni reo mestiere, a stender la mano in tutte guise; e per estorquer danari eran “feroci”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *