Il gioco delle parti di Nino Romeo tra destini che si incrociano

Il regista catanese debutta con un testo nel quale il delirio è esistenziale

di Gilda Sciortino

Nubendi ovvero come sposare tante umanità, ognuna pronta e disposta a mettersi nei panni dell’altra.

Debutta alle 21 di venerdì 7 aprile al Piccolo Teatro della Città  di Catania, l’omonimo spettacolo scritto e diretto da Nino Romeo,  drammaturgo, regista e attore siciliano, la cui opera è da tempo oggetto di studio e argomento di saggi critici da parte di numerosi docenti di storia dello spettacolo, di letteratura, di linguistica e glottologia.

Nino Romeo

Una novità per il regista etneo, che sceglie come ambientazione un caffè d’epoca, la migliore pasticceria della città, per fare incontrare i destini di Tilla (Graziana Maniscalco), estetista specializzata in trattamento dei defunti, e Tello (Angelo Tosto), pittore rinomato e ricercato perché capace di ritrarre gli ultimi istanti di vita. Inevitabile la reciproca promessa di matrimonio.

Scoprono, poi, di avere relazioni antiche con Varo e Vira (Nicola Costa e Ludovica Calabrese), i camerieri che li servono, anche loro futuri sposi. Nel caffè, infine, fanno ingresso due giovani (Valeria La Bua e Pietro Cucuzza): lei aspetta un figlio e stanno per convolare a nozze. I patti che le prime due coppie stringeranno reciprocamente, però, saranno sconvolti dalla determinazione dei due giovani. E non ci sarà ritorno.

«Ciascuno dei quattro tipi di esseri umani  che si affrontano e si confrontano in Nubendi – scrive lo stesso regista – è portatore di un proprio delirio, ma delirio etimologicamente inteso: andare oltre la lira, il solco dei latini: oltrepassare, dunque, il consueto, la normalità. È  un delirio esistenziale, non patologico, quello che mi interessa esporre sulla scena; quello a cui consentire, urgentemente, rappresentazione.  Il delirio di Tilla è il tempo, quello di Tello, lo spazio. Il comando è il delirio di Varo, il linguaggio il delirio di Vira».

E, quando avventori e camerieri si scambieranno gli abiti assumendo ciascuno il ruolo dell’altro, sembrerà che i deliri si ricompongano, che trovino il punto comune di convergenza, proposto dal servitore Varo che si erge a ideologo e mentore di un nuovo sistema di potere: l’intercambiabilità dei ruoli.

«La stesura di Nubendi mi ha impegnato per anni – aggiunge Romeo – anche per questo mi è caro. E al mio delirio d’autore, che torna per anni sulle stesse pagine, ho voluto allineare il mio delirio di regista. Li ho voluti trasferire tutti sulla scena: con levità, senza frivolezze; con congruenza, senza l’assillo della coerenza; chiedendo agli attori naturalezza, senza naturalismi».

I costumi sono di Rosy Bellomia, la consulenza musicale di Ennio Nicolosi, assistente alla regia Elena Di Grandi, produzione Gruppo Iarba/Gria Teatro.  Lo spettacolo andrà in scena alle 21 di sabato 8 e alle 17.30 di domenica 9 aprile.

 

 

 


DIVENTA FAN DI MAREDOLCE SU FACEBOOK: Clicca QUI. Ti aspettiamo!