fbpx

Articles Posted in the " Scuola e formazione " Category

  • Ricordi di una scuola fuori sede

    di Benita Licata L’anno scorso sono ritornata a Montalcino. C’eravamo andati per una supplenza. Io avevo ventidue anni, Franco ventitré, figlio di preside (niente favoritismi!), distanti da casa ma pieni di entusiasmo. Ci sposeremo l’anno successivo e restiamo da vincitori di concorso in questo meraviglioso paese. Nasce Gabriele. Franco si ammala e torniamo a Palermo, […]


  • Il Genio guida i ragazzi alla scoperta di Palermo

    di Gabriele Bonafede È un genio disegnato, trasognato, un poco papà e un poco zietto, un poco professore e un poco amico. Sempre accompagnato dal suo serpentello fedele, fa da cicerone ai ragazzi che vogliono scoprire Palermo. Lo troviamo nella “Guida di Palermo per ragazzi” di Lietta Valvo Grimaldi, disegnato insieme a tanti monumenti e […]


  • A scuola ci sono insegnanti. Le natiche sono altrove

    di Benita Licata Sta un po’ scemando il dibattito sulla legge 107, quella chiamata dal governo della “Buona Scuola ” e che alcuni giornalisti, sindacalisti e opinionisti dell’ultima ora si sono affrettati a chiamare con i nomi più fantasiosi, nell’intento di criticare una legge che, per gli addetti ai lavori, era improcrastinabile. Visti i danni […]



  • Scuola, l’educazione non è una cosa tetra

    di Benita Licata Perché dovrebbe piacere svegliarsi la mattina per buona parte dell’anno e andare a scuola? Se lo chiedono gli operatori scolastici che non vengono gratificati da uno stipendio adeguato al loro lavoro. Se lo chiedono gli studenti che hanno difficoltà a comprendere l’importanza dello studio per il loro futuro di donne e uomini. […]


  • Per chi suona la campanella. Forza e debolezza della “Buona Scuola”

    di Benita Licata Parlare in questo momento di scuola, mentre tutti ne parlano, mi viene, paradossalmente, difficile. Vorrei parlare di scuola di buona scuola, vorrei parlare della nuova legge e di tutti i punti forti e i punti deboli che ci trovo. Prima però desidero partire dallo “statu quo “e poi, successivamente, entrare nel merito […]