26 Luglio 2021

3 thoughts on “Campionato serie B, sette retrocessioni sono troppe

  1. La gestione della “giustizia” sportiva fa accapponare la pelle. Vergogna è dire poco, vhi gestisce il calcio italiano in questo modo dovrebbe sparire dalla circolazione. Meritocrazia alla rovescia, premiate antisportivi, scorrettezze e imbrogli, punita l’onestà e il rispetto delle regole e dell’avversario.
    E questo sarebbe sport? Che schifo la serie B e anche la A non è da meno

  2. Parla indubbiamente, senza nominarlo, del Catania, cioe’ di una squadra che ha gia’ pagato in modo molto salato avvenimenti ancora poco chiari, avvenuti anni fa con sentenze che hanno punito solo una squadra.
    Ma in ogni caso tutto questo non sarebbe successo se l’anno prima quando retrocedemmo da terzultimi dalla serie A, avessero rispettato le norme, ripescandoci, non iscrivendo il parma di ghirardi, che era senza conti in regola sin dall’inizio e che poi si dimostro’ non potere finire nemmeno il campionato.
    A noi ci hanno sempre perseguitato, ci considerate “squadra canaglia”, vi siamo sempre stati indigesti e il palazzo non vedeva l’ora prima o poi di cogliere in fallo una persona che si era permessa nominare andrea agnelli come una zitella isterica…..ovviamente ce l’hanno fatta pagare.
    Cordialita’

    1. Gentile Antonino, non è così. Non abbiamo voluto parlare del Catania senza nominarlo. Anzi, a nostro avviso anche il Catania avrebbe meritato di essere promosso. Semmai, mostrando la foto dello stadio di Bari (che è anche un club molto rivale al Palermo), consideriamo assurdo che città meridionali così importanti non siano per lo meno in serie B, se non in serie A. Abbiamo risorse limitate, ma cercheremo di pubblicare un articolo che dimostri perché il Catania quest’anno (e direi sempre) meriti di giocare per lo meno in serie B e non in C. La rivalità tra tifosi è un conto, la drammatica situazione del calcio in Italia è altra. Grazie comunque per il commento: ha permesso di chiarire questo aspetto dell’articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *