Articles Posted in the " Governo Legastella " Category

  • Lega e Cinque Stelle responsabili del degrado morale in Italia

    Il “modo” di fare politica è determinante per formare una concezione di società: i suoi valori, la sua cultura, il suo senso dell’umano di Giuditta Perriera (*) I partner di questo governo, la Lega e i Cinque Stelle, saranno storicamente responsabili del degrado morale. Saranno responsabili di un indegno abbassamento del valore dell’umanità, dell’esaltazione dell’ignoranza, […]


  • Un medico per curare il governo

    di Giovanni Rosciglione   Si è passati da quota cento a quota ottomila, Everest compreso. Reddito di cittadinanza o reddito di sudditanza? Pare che siano tutti orban. Il Presidente ha le adenoidi troppo gonfie. Insomma il Governo è malato. Molto malato. Si chiama un dottore: un luminare della medicina di governo. Arriva con affettuosa sollecitudine […]


  • Il governo verso il tunnel della crisi

    La TAV si conferma il pomo della discordia tra i Cinque Stelle in caduta libera e la Lega di Gabriele Bonafede Non si possono raccontare fandonie senza entrare in contraddizione. E la questione della TAV è stata fin dall’inizio tarata dalla più grande delle contraddizioni. È stato detto dai no-Tav che l’infrastruttura nuoce all’ambiente. Eppure, […]


  • Il TG1 censura gli italiani del Venezuela

    Vergognoso comportamento della RAI sulla crisi del Venezuela. Dalle fake news all’indifferenza. Eppure ci sono 130mila italiani nel Paese martoriato da Maduro   di Gabriele Bonafede Se fossimo in Francia sarebbe quasi comprensibile una disattenzione della TV di stato ai problemi del Venezuela, visto che la comunità francese nel Paese sudamericano è relativamente piccola. Ma […]


  • L’Italia è in recessione

    L’aggettivo “tecnica” alla recessione ormai certificata dall’Istat potrebbe durare molto poco. Si rischia di entrare presto in recessione vera e propria. Ecco perché   di Gabriele Bonafede Contrariamente ai maggiori media italiani, ho volutamente evitato di aggiungere nel titolo l’aggettivo “tecnica” alla recessione ormai certificata dall’Istat in Italia. Ecco perché. Con il termine “recessione” si […]


  • Calano fatturato e PIL ma aumentano i nasi di Salvini e Di Maio

    L’economia italiana va male. Crescono bugie e imposte. Se continua così, l’IVA aumenterà ben presto   di Gabriele Bonafede Cala il Pil. Aumentano i disoccupati, gli emigrati, i debiti, i fallimenti, la criminalità, la povertà, la disperazione, i suicidi, le truffe, i furti, le disuguaglianze socioeconomiche, il declino economico, l’ignoranza, le bugie, le promesse non […]


  • Jobs Act e precariato. I falsi della propaganda demoliti da realtà e sentenze

    Il tempo è galantuomo. Lo certifica un’altra sentenza, stavolta per il mondo del lavoro di Vincenzo  Pino Era passata nella vulgata popolare che il Jobs Act distruggesse diritti ed aumentasse il precariato. Chiunque, senza aver mai saputo cosa contenesse il provvedimento, sentenziava. “Ha abolito l’articolo 18”, incalzavano. Senza sapere che la configurazione attuale dell’articolo 18 […]


  • Dracula verso la nomina a direttore della banca del sangue

    di Gabriele Bonafede Sarebbe Dracula il candidato del governo italiano per la nomina a direttore della banca del sangue. La nomina guadagnerebbe sostegno perché, in ambienti di governo si dice: “Siamo certi che grazie al suo spiccato senso di responsabilità e alla sua comprovata esperienza medica saprà attendere ai compiti cui è chiamato dedicandosi con […]


  • Prima gli italiani. A pagare

    di Gabriele Bonafede   Il vice premier Matteo Salvini, autore principale della “manovra” finanziaria insieme al neofita Di Maio, ha raccolto consensi con lo slogan “Prima gli italiani”. Va dato atto di aver mantenuto la sua promessa. Saranno infatti prima gli italiani a pagare la crisi finanziaria in corso. D’altronde, lo stesso Salvini, ha indicato […]


  • Manovra finanziaria, povertà e il coraggio della realtà

    di Vincenzo Pino L’hanno etichettata la manovra del popolo i pentastellati. Hanno bisogno di simboleggiare in ogni occasione il vuoto di proposta con la suggestione degli slogan. Decaduta la terza repubblica, riposta quella del governo voluto dai cittadini, si sono lanciati ora in questa formula. Condita dalle amplificazioni del solito noto che assegna alla prossima […]