Articles Posted in the " Billitterate " Category

  • I Rom di corso Olivuzza

    di Daniele Billitteri Vivo nella zona di corso Olivuzza, a Palermo, e sono assediato dagli alieni. Gente che non conosce regola, estranei alla civiltà, chiusi nella cura dei propri interessi, coesi tra di loro, solidali, fieri avversari degli “altri” a protezione dei vantaggi della loro etnia. Sono “pezzi di merda”. Ma se tra di loro […]


  • Appunti su una crisi magica. Il fatto è uno, il discorso è un altro

    Sulla crisi italiana e Mattarella: dai proverbi siciliani alla politica di Daniele Billitteri In una situazione come questa la prima preoccupazione delle persone responsabili dovrebbe essere quella di non perdere la calma. Si può essere arrabbiati senza perdere la calma? Io penso di sì. Anzi: la lucidità arma la rabbia di ragioni e, magari, gli […]


  • Conte e il Trota tra titoli e bufale

    di Daniele Billitteri Ora pare che Giuseppe Conte alla New York University ci sia andato quasi da turista e non per un corso di perfezionamento come il probabile capo del Governo italiano, ha scritto nel suo traboccante curriculum. I giornalisti americani, che vanno meno ai talk show e più in giro a cercare notizie, hanno […]


  • Il mezzo secolo del Sessantotto

    Il Sessantotto compie 50 anni. E io c’ero. Mi pensavo salvo, non avrei mai pensato che sarei finito Salvini di Daniele Billitteri Quello che posso dire è che avevo quasi 17 anni. Andavo al liceo dove alla fine delle lezioni suonavano due campane: la prima per le femmine, la seconda per noi giovani appitanzati. La […]


  • Il giovane Karl Marx

    di Daniele Billitteri Quando si decide di fare un film su un personaggio enorme, bisogna preoccuparsi che alla fine non ne venga fuori una specie di “bignami” del personaggio stesso. E quando il personaggio si chiama Karl Marx la preoccupazione deve essere doppia. La scommessa, il regista caraibico Raoul Peck, l’ha persa consegnandoci un Karl […]


  • Non uno di meno

    La consapevolezza dell’autismo non si ferma nella Giornata del 2 aprile di Daniele Billitteri Sbagliava. Sissignore. Nino (chiamiamolo così) magari scriveva “sabia” o “c’e”. Dalla sua penna nascevano parole malate come succede a tutti i bambini all’inizio di un cammino. Ma lui era speciale. Forse non gli piaceva moltissimo il mondo che vedeva e se […]


  • Cleopatria Meloni e i geroglifici egizi da Torino a Palermo

    di Daniele Billitteri Ecco il direttore del Museo Egizio di Torino, protagonista di un’aspra polemica con Giorgia Meloni per avere disposto di effettuare uno sconto ai visitatori che parlano l’egiziano. Ora possiamo discutere quanto volete voi sul fatto che abbia un senso il praticare uno sconto non perché si è giovanissimi o ultrasessantenni, non perché […]



  • Bosch, il cinema e il giardino dei sogni

    di Daniele Billitteri Grande cosa questa di portare l’arte al cinema. Non che il cinema non sia arte di per sé, ma qui si scrive di arte non cinematografica portata al cinematografo. E dopo Van Gogh tocca ad un altro olandese, Hieronymus Bosch, e al suo dipinto più importante, il Giardino delle Delizie realizzato alla […]


  • Ecco per chi vuoterò alle elezioni regionali in Sicilia

    di Daniele Billitteri No, non è un refuso. Ho scritto vuoterò e volevo scrivere vuoterò. Io andrò a votare. L’ho già detto. Per quanto accasciato sui terribili destini recessivi del Paese, per parafrasare Leopardi, domenica mattina me ne andrò al seggio con Diego e voteremo. Non so cosa voterà lui. Ma il bello è che, […]