Vergogna polizia in Russia: maltratta e arresta disabili e bambini. I filmati

di Gabriele Bonafede

A Mosca si moltiplica la crudeltà e la mancanza di dignità della polizia di Putin. Oggi, nel corso di una grande manifestazione pacifica con almeno 100mila partecipanti, la polizia in completo assetto antisommossa ha arrestato un invalido, portandolo via e strattonandolo brutalmente sotto gli sguardi e i commenti indignati dei passanti.




Il video è circolato in queste ore sui social ed è disponibile su youtube. Lo riportiamo qui.

Mentre un giovane disabile viene arrestato a nulla valgono le proteste dei passanti che ricordano a queste bestie di poliziotti che si tratta di un disabile. “Rilasciatelo è disabile”, dicono a poliziotti privi di onore e dignità.

La polizia russa, quella degli “amici” di Salvini, da giorni arresta e picchia selvaggiamente pacifici manifestanti inermi, spesso per terra, comprese donne e ragazzini. Ci sono anche arresti di bambini, uno dei quali, due anni fa, è stato ripreso. Leggeva poesie per strada ed è stato brutalmente arrestato da una polizia priva del più elementare senso dell’onore.

Di qualche giorno fa è la notizia di una giovane donna arrestata perché leggeva la Costituzione della Federazione Russa per strada. La polizia russa continua a operare nel più totale diniego dei principi basilari di umanità e delle stesse leggi del proprio paese.

Putin inizia ad avere problemi più grossi del solito perché le manifestazioni crescono, nonostante le centinaia di arresti di questi giorni. Anzi, alcuni analisti sostengono che è proprio la reazione eccessiva a far crescere il dissenso. In Russia la democrazia è praticamente inesistente, anche perché i candidati delle opposizioni non sono stati ammessi alle prossime elezioni locali, nonostante avessero tutti i requisiti di legge. Ed è questo il motivo principale delle manifestazioni di questa estate.



Le grandi difficoltà della Russia di Putin

Il Paese soffre di forti criticità, con povertà estesa, infrastrutture al collasso, giustizia iniqua e corrotta che funziona solo per chi può pagare, popolazione in declino, mancanza di libertà, forze dell’ordine corrotte, mafia a tutti i livelli e molto altro. Tutte piaghe ataviche della Russia.

Manifestazione contro Putin a Mosca, 10 agosto 2019

D’altronde, il Paese è in grandi difficoltà anche nel breve termine. Nonostante sia una potenza nucleare, l’economia continua ad essere ridicola rispetto a estensione del territorio, rcchezze naturali e popolazione Ha un PIL minore a quello dell’Italia e dipendente dal prezzo del petrolio. Il reddito per abitante è svariate volte più basso di quello oitaliano.

Questa estate si sono verificati immensi incendi in Siberia che hanno minacciato intere città lasciate a se stesse. Gli incendi continuano con la perdita di immensi tesori di flora e fauna e delle proprietà di chi non ha voce in capitolo nel brutale sistema socioeconomico russo.




Inoltre, un gravissimo incidente nucleare si è verificato nel Mar Bianco dove sommergibili sono stati danneggiati e ci sono stati, secondo le autorità della Russia, cinque morti. Le autorità hanno lasciato la popolazione priva delle necessarie informazioni sulla fuga di radiazioni, mettendo a repentaglio l’incolumità dei cittadini.

Qualcosa da nascondere?

Ma ciò che fa scendere l’indice di gradimento di Putin è la riforma pensionistica e la povertà sempre più diffusa, in un’economia stagnante e senza futuro dominata dalle cricche mafiose che riescono ad essere gradite a Putin.

Alle proteste legittime dei manifestanti, che scendono in piazza nonostante minacce e arresti, la polizia ha risposto in maniera brutale.

Ha arrestato molti leader dell’opposizione, a partire da Navalny. Picchia e arresta a casaccio con una violenza inaudita. E adesso arresta persino i disabili.

Questo è il sistema al quale Salvini vuole portare l’Italia, visto che ha allegramente mandato i suoi più stretti collaboratori a prendere accordi con il governo russo di Putin. Ma in Italia queste cose non si sanno o non sono adeguatamente diffuse da giornali e TV, lasciando la popolazione italiana ignara sulla brutalità del regime che c’è al momento in Russia.