Palermo campione d’inverno. Club e tifosi sempre più in alto

La squadra di Stellone ormai di proprietà inglese si impone (1-0) anche sul campo del Cittadella. Gli ultras rosanero raccolgono fondi per i terremotati di Catania

di Pietro Scaglone

Il Palermo espugna lo stadio Tombolato di Cittadella, consolida il primo posto e conquista il titolo di Campione d’Inverno della Serie B, alla fine del girone di andata. Il tutto all’indomani del Closing, la cessione definitiva della società della U.S. Città di Palermo alla cordata inglese.

Esordio fortunato, dunque, per il nuovo presidente Clive Richardson, per il nuovo amministratore delegato Emanuele Facile e per la “Sport Capital Group Investments Ltd”, al timone della società rosanero dopo 16 anni di epoca Zamparini.

Curva nord in occasione di Palermo-Verona 3-2 (maggio 2016). Foto di Carnelo Busardò

Intanto, continua la gara di solidarietà tra gruppi ultrà: la Curva Nord Inferiore di Palermo raccoglie beni per i rivali catanesi colpiti dal terremoto.

Palermo irriconoscibile nel primo tempo, assediato da un grintoso A.S. Cittadella 1973. Dopo due pali consecutivi presi dalla squadra veneta, all’inizio del secondo tempo, il Palermo si sveglia, suona la carica e inizia a imporre il proprio gioco come le grandi squadre.

Il fantasista macedone Alex Trajkovski ruba il pallone a centrocampo e fornisce un assist favoloso per il trequartista uruguaiano César Falletti che segna il goal decisivo della partita.

A mio avviso Trajkovski, protagonista anche di una doppia azione ravvicinata, bloccata prima dal portiere avversario e poi dal palo, è il migliore in campo insieme a Falletti e a Mato Jajalo. Il bosniaco mostra la solita grinta a centrocampo ed un incredibile salvataggio che vale come un goal. Bene anche il centrocampista bulgaro Ivaylo Chochev, che sfiora il goal e sforna bei passaggi.




Il Palermo, dunque, vince e conquista il titolo invernale, nonostante le assenze pesanti del capitano Ilija Nestorovski, del terzino Haitam Aleesami e del difensore Slobodan Rajkovic. E’ assai probabile che con i 3 assenti e con l’attaccante George Pușcaș – Puski in campo dall’inizio, la vittoria sarebbe stata più rotonda e convincente. Comunque, non ci sono dubbi: il Palermo è la squadra più forte del campionato e la conquista del titolo di Campione d’Inverno è pienamente meritata.

Così come un altro dieci e lode merita la tifoseria organizzata palermitana. Dopo gli striscioni della Curva Sud per le famiglie etnee nella partita precedente al Barbera, la Curva Nord Inferiore, già protagonista anche della raccolta di giocattoli per l’Ospedale dei Bambini, si dedica all’assistenza dei terremotati nella prvincia di Catania.




Nelle pagine ufficiali Palermo Casual e Palermo: La Mia Città, La Mia Fede compare l’appello alla solidarietà:

“Buongiorno buona domenica a tutti. Come ben sapete la città di Catania e i paesi vicini in questi giorni devono fare i conti con le continue scosse e, quindi, con i disagi che ne conseguono.
La Curva Nord Inferiore si sta attivando per raccogliere quanto più possibile in generi alimentari; nello specifico, ci pare di capire che servano latte in polvere, pannolini e frutta per bambini. Stiamo cercando di capire meglio per attivarci nel frattempo ognuno di noi faccia quel che può”.