La grande danza al Teatro Massimo

Tre coreografie di Gentian Doda, Nacho Duato e Jiri Kylián per il Corpo di ballo del Teatro Massimo, repliche fino al 5 maggio

 

Ultime recite al Teatro Massimo di Palermo per La grande danza: Doda, Duato, Kylián, spettacolo di danza con tre coreografie di Gentian Doda, Nacho Duato e Jiri Kylián ancora in scena giovedì 3 maggio, venerdì 4 e sabato 5 alle ore 18.30. Protagonista il Corpo di ballo del Teatro Massimo, dirige l’Orchestra del Teatro Massimo Alessandro Cadario.

La grande danza al Teatro Massimo. Foto di Franco Lannino ©

La prima delle tre coreografie è Sin lo cual no del coreografo albanese Gentian Doda, su musiche di Joaquín Segade, con scene di Susana Riazuelo e costumi di Jaime Roque de la Cruz, luci curate da Nicolás Fischtel, assistente alla coreografia Dimo Kirilov, allestimento del Teatro Massimo.

Il Corpo di ballo del Teatro Massimo sarà impegnato in una coreografia corale, che vede i ballerini passare dall’immobilità forzata alla frenesia, a volte muovendosi insieme come ingranaggi di una gigantesca macchina, a volte chiusi ognuno come in un proprio personale delirio, dove ogni minimo gesto assume importanza fondamentale. La musica di Joaquín Segade, che utilizza anche rumori industriali, accentua la visione di una umanità dominata dalle macchine.




È invece la natura con i suoi misteriosi poteri al centro di Duende con la coreografia di Nacho Duato, su musiche di Claude Debussy eseguite da Rosolino Bisconti al flauto, Gaspare D’Amato alla viola e Valentina Rindi all’arpa con l’Orchestra del Teatro Massimo diretta da Alessandro Cadario. Scene firmate da Walter Nobbe, costumi di Susan Unger, luci di Nicolás Fischtel, assistenti alla coreografia Eva López Crevillén e Catherine Habasque, in un allestimento del Balletto di Bratislava. Con il termine “duende” si intendono in spagnolo gli elfi, esseri magici che abitano la natura e la animano con i loro scherzi e le loro capriole, trasportando il pubblico in un mondo fatato, dove le leggi ordinarie della vita umana perdono di potere e significato.

Francesca Davoli, foto di Franco Lannino ©

Alle più intellettuali e spiritose risorse dell’umanità, incarnate nel secolo dei lumi e nella musica di Mozart, fa invece allusione Sechs Tänze su coreografia, scene e costumi di Jiri Kylián, costruito sulle musiche delle Sei danze tedesche di Wolfgang Amadeus Mozart, con luci concepite da Jiří Kylián e realizzate da Joop Caboort, assistente alla coreografia Alberto Montesso, nell’allestimento del Semperoper Ballet di Dresda.

Con questa coreografia il grande coreografo ceco propone al pubblico “sei momenti apparentemente privi di senso, impossibilitati a svilupparsi davanti al mondo d’oggi sempre turbato che, per ragioni imprecisate, ciascuno porta dentro di sé”, utilizzando quel “favoloso strumento che è il nostro corpo, così ricco che supera tutte le lingue del mondo”.

Con lo spettacolo La grande danza il Teatro Massimo ha partecipato alla Giornata Internazionale della Danza di domenica 29 aprile.

Per i titolari della Card Under35 del Teatro Massimo che acquistano un biglietto per La grande danza è inoltre aperto un concorso fotografico, tutte le informazioni sul sito del Teatro.



 

Biglietti da 70 a 10 euro. La biglietteria è aperta dal martedì alla domenica dalle ore 9.30 alle ore 18.00 e nei giorni di spettacolo a partire da un’ora prima e fino a mezz’ora dopo l’inizio.

In copertina: Yuriko Nishihara e Vincenzo Carpino in Duende con la coreografia di Nacho Duato, Foto di Rosellina Garbo ©