Il Palermo vince e Bellusci festeggia così. Un segnale di riconciliazione tra club e tifosi?

Il difensore rosanero Bellusci in uno spogliarello inedito a fine partita. Forse un gesto di avvicinamento ai tifosi

 

di Gabriele Bonafede

Alla fine dell’incontro Palermo-Brescia, vinto dal club rosanero per 2-0, c’è aria di festa. I giocatori tornano negli spogliatoi, passando sotto la Curva Sud: sciarpe in mostra, applausi, cori e sorrisi. In particolare, gli eroi della serata, come Chochev e Gnahoré, indugiano qualche secondo in più, alzando le braccia e salutando i tifosi.

Palermo Brescia 2-0 Bellusci in mutande a fine partita

Ma chi festeggia in modo particolare è il difensore Giuseppe Bellusci, riconoscibile per “la camminata”, il naso pizzuto, lo sguardo arcigno e la folta barba.

Si avvicina a un club di fans nella Curva Sud, e lancia maglietta e pantaloncini al pubblico che accorre per vederlo da vicino e raccogliere i “trofei”. Bellusci rimane così in mutande. Rosanero, si capisce. Si affretta poi verso gli spogliatoi, una volta “spogliato” del completo da match.

Non si conoscono ancora i motivi per questo “spogliarello”, di solito esibito a risultati di stagione raggiunti. O per lo meno per partite importanti che segnano una stagione. Forse aveva promesso così se il Palermo avesse vinto confermando il primato in classifica?  In ogni caso, solo poche centinaia di spettatori hanno visto la scena in uno stadio quasi deserto e con la gran parte degli spettatori ormai sul piazzale antistante la struttura sportiva.




Anche per la partita con il Brescia, vinta con autorità dal Palermo, lo stadio Barbera ha registrato magri incassi e spalti semivuoti. “Sono 6.799 gli spettatori presenti oggi allo Stadio ”Renzo Barbera” per Palermo-Brescia, sfida valida per la 23^ giornata del campionato Serie B ConTe.it: 2.063 abbonati e 4.736 biglietti emessi”, conferma il comunicato della società di Via del Fante. Molti di più che nelle due partite natalizie, ma pur sempre pochi.

In una stagione dove il rapporto tra tifosi e club non è dei più idilliaci, per lo meno nei confronti di Zamparini, il particolare post-partita di Bellusci è stato notato da alcuni, e percepito come un segnale di un possibile riavvicinamento. Sarà così?

La prossima gara del Palermo è in trasferta contro l’Empoli, diretto avversario per la promozione. Poi i rosanero torneranno al Barbera contro il modesto Foggia, che però è in netta ripresa. Questa sarà probabilmente l’occasione per capire se ci sia o meno un riavvicinamento di pubblico allo stadio di Palermo, quale che sia il risultato della partita di Empoli.

Forse uno spogliarello val bene una riconciliazione, anche nelle più tribolate relazioni… Tra pubblico e squadra, si capisce.