Il Palermo passeggia sulla Virtus Francavilla. 5-0 e quarta vittoria consecutiva al Barbera

di Gabriele Bonafede

 

Più che buona la prima, se così si può dire. Il Palermo passeggia sulla Virtus Francavilla, vincendo per 5-0, ma poteva finire 7 o 8 a zero, per quanto visto in campo.

I volenterosi pugliesi, lo scorso anno ai play-off per passare dalla C alla B, resistono solo una ventina di minuti. Il primo gol del Palermo arriva già al 13mo minuto, con Trajkovski che infila in spaccata dopo essere pescato bene in verticale da Coronado. Nei successivi dieci minuti la Virtus Francavilla confeziona un paio di occasioni importanti, la prima sventata egregiamente da Posavec e la seconda calciata fuori. Poi, solo Palermo per il resto dell’incontro.

Fioccano le occasioni per i rosanero che non riescono a segnare alla mezz’ora in ben quattro azioni ripetute, tre delle quali sventate di piede dal portiere biancoazzurro Albertazzi, in grande spolvero, nell’arco di pochi secondi. Ma allo scadere, Trajkovski segna il secondo gol con un bel colpo di testa, servito bene da Morganella.

Nel secondo tempo, Nestorovski manca una facile occasione da due passi. A questo punto, Tedino cambia Coronado e Bellusci, con Murawski e Accardi. Dopo pochi minuti è ancora Trajkovski a segnare, siglando la prima tripletta in rosanero con un bel tiro dal limite dell’area di rigore. Il Palermo è sempre più convincente complice una serata umida e afosa, dove la tecnica superiore dei rosanero la fa da padrone una volta accorciato il fiato degli atleti in campo.




Esce il miglior marcatore, Trajkovski, per La Gumina, ma la musica non cambia, anzi. In una delle numerose pressioni contro una Virtus Francavilla ormai domata, Aleesami si inserisce bene in area e batte Albertazzi di destro. Poi La Gumina impegna ancora una volta Albertazzi e sulla corta respinta il neo acquisto Murawski ribadisce in rete. Il polacco segna così all’esordio in una partita ufficiale in rosanero.

Sul cinque a zero si vede ancora La Gumina nel bene e nel male. Segna un gol che però viene annullato per fuorigioco millimetrico, poi si esibisce in un colpo di tacco delizioso che esce di pochissimo, e infine sbaglia dal dischetto un rigore netto allo scadere del tempo regolamentare.

Bruno Tedino allenatore del Palermo. Più che buona la prima

Il Palermo doveva vincere, e bene, per allontanare ulteriori contestazioni. Che sono avvenute ugualmente fuori lo stadio. Dentro, invece, un pubblico molto più numeroso del previsto si è divertito ed ha applaudito. Producendosi in incoraggiamenti e persino cori spontanei in assenza di tifo organizzato.

Migliori in campo per il Palermo: Trajkovski, Morganella, Coronado, Aleesami e Murawski. Per la Virtus Francavilla, il migliore in campo è il portiere Albertazzi. Il che la dice lunga su una partita nella quale la sua squadra incassa ben cinque gol.

Il largo risultato è stato ottenuto con grande facilità da una squadra che, evidentemente, non merita alcuna contestazione dal punto di vista tecnico e dell’impegno, nonostante caldo e umidità a livelli paurosi.

E se si pensa che l’avversario sia stato di bassa qualità ci si sbaglia di grosso. La Virtus Francavilla è stata una delle migliori rivelazioni della Lega Pro lo scorso anno. Di più, se andiamo a vedere gli altri risultati di coppa Italia notiamo facilmente che tutte le squadre di B hanno avuto grandi difficoltà contro avversari di serie C. Tre squadre sono state eliminate in casa. Il Novara è stato eliminato dal Piacenza (0-1), il Venezia dal Pordenone (1-2) e la Ternana dal Trapani (0-1).




Il Pescara di Zeman è riuscito a passare il turno con una squadra di C solo ai tempi supplementari (5-3 con la Triestina), mentre Cesena, Perugia, Cittadella, Avellino e Salernitana hanno tutte vinto di misura e a fatica contro club di C. Solo il Carpi si è distinto con un 4-0 al Livorno che milita in C, mentre il Foggia è andato a vincere a Vicenza per 3-1.

Il Palermo affronterà al prossimo turno di Coppa Italia il Cagliari. Qui si inizierà a vedere il vero valore di questa squadra che finora ha fatto vedere buone cose. A Cagliari, il Palermo ha vinto solo un paio di volte in tutta la storia dei due club isolani.

Da rilevare che questa vittoria con la Virtus Francavilla è la quarta consecutiva del Palermo al Barbera, dopo quelle con Fiorentina, Genoa ed Empoli nelle ultime tre partite interne in serie A la scorsa stagione.

Il riassunto della partita è pubblicato dal canale ufficiale della US Città di Palermo, con azioni e gol per il primo tempo (qui) e il secondo tempo (qui).