Teatro Massimo in festa per il Premio Best in Sicily

di Carolina Infantellina

Quale luogo migliore del Teatro Massimo di Palermo per festeggiare i dieci anni del premio ideato da Cronache di Gusto “Best in Sicily”? La vista dei palchi gremiti di spettatori, del loggione strabordante, della platea piena di gente entusiasta per l’evento che stava avendo luogo: certamente è stato uno spettacolo suggestivo per gli occhi di chi guardava, uno spettacolo nello spettacolo. E la magia che emana il Teatro Massimo fa la sua parte, è chiaro.

massimo best in sicily

Premiazione Best in Sicily 2017, platea del Teatro Massimo. Foto di Igor Petyx.

L’emozione sui volti dei premiati, i sorrisi di sincera gioia e anche un po’ di tensione dovuta all’onore di ricevere l’importante riconoscimento in questo tempio culturale di Palermo, sono i fulcri su cui l’intera serata del premio Best in Sicily si è articolata.

Sul palco il direttore del giornale online Cronache di Gusto, Fabrizio Carrera, anche lui emozionato e, soprattutto, entusiasta di aver raggiunto un simile traguardo, e Gioacchino Bonsignore, noto giornalista, il cui settore di maggiore interesse è proprio quello dell’enogastronomia.

I vincitori delle quattordici categorie per l’anno 2017 sono: Carlo Hauner di Salina come miglior produttore di vino, Nicola e Antonella Titone di Titone olio biologico di Marsala, come miglior produttore di olio, Monaci delle terre nere di Zafferana Etnea come miglior albergo, Eolian Milazzo hotel come miglior ristorante, Caffè Sicilia di Ragusa come miglior bar, Paul Bricius di Vittoria come miglior birrificio, Pasticceria Oscar di Palermo come miglior pasticceria, Quattro archi di Milo come miglior trattoria, Camillà di Ragusa come miglior pizzeria, Domenico Ferranti di Castronovo di Sicilia come miglior produttore di formaggio, Giuseppe Martinez di Trapani come miglior fornaio, Giuseppe Aleccia delle Delizie di Alcamo come miglior macellaio, Drago conserve di Siracusa come migliore azienda conserviera, la città di Palazzolo Acreide (SR) viene eletta come miglior Comune per l’offerta enogastronomica ed in fine il premio per l’Ambasciatore siciliano del gusto va all’editore palermitano Antonio Sellerio del quale abbiamo parlato in questo articolo.

Foto di Igor Petyx. Oscar Farinetti premia Antonio Sellerio Ambasciatore siciliano del gusto.

Oscar Farinetti premia Antonio Sellerio Ambasciatore siciliano del gusto. Foto di Igor Petyx

Interessanti le lezioni di Oscar Farinetti, fondatore di Eataly che si è espresso sui giovani, sull’agricoltura e sull’essere imprenditori, e di Francesco Piccolo, Premio Strega 2014, scrittore e sceneggiatore del panorama nazionale.

Intervengono anche il Sindaco Leoluca Orlando, l’eurodeputato Michela Giuffrida, membro di REGI (Commissione per lo sviluppo regionale), oltre che di AGRI (Commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale) e Antonello Cracolici, assessore regionale siciliano all’Agricoltura.

Ed è proprio Antonello Cracolici a premiare il progetto Sinergia ideato da Carmelo Danzi, un protocollo di intesa fra i sindaci dei comuni siciliani di Belpasso, Roccapalumba, San Cono e Santa Margherita Belice i quali sono i maggior produttori del fico d’india, volto a commercializzare, promuovere ed esportare il frutto, del tutto made in Sicily, attraverso un particolare movimento nel territorio.

Presenti sul palco anche dieci chef under 30 in gara per la finale di Gara di Gusto, disputata alle Terrazze di Mondello il 31 gennaio, per stabilire il miglior giovane chef del sud Italia. Altra iniziativa ideata da Cronache di Gusto finalizzata alla scoperta e alla valorizzazione di talenti emergenti sul piano enogastronomico.

 

Foto nell’articolo di Igor Petyx, tratte da Cronache di Gusto.