Ci lascia Gaspare Cucinella, anima poetica del teatro di Scaldati

di Gabriele Bonafede

Ci lascia Gaspare Cucinella, uomo di teatro e storico compagno di scena e d’arte di Franco Scaldati. Nato a Cinisi il 26 marzo 1924, Cucinella avrebbe compiuto 92 anni tra poche settimane. Lo ha pianto il teatro ai funerali di stamattina a Cinisi.

Il Teatro Biondo di Palermo lo ricorda con riferimento al suo talento quale comico: “Quando muore un talento comico naturale come Gaspare Cucinella ci si resta particolarmente male. Ci ha fatto ridere tanto, e i suoi duetti di amore e odio con Scaldati, in scena, restano indimenticabili.”gas

Gasparotto Cucinella era anche e soprattutto uomo completo di teatro e poeta. In sintonia con Franco Scaldati con il quale dialogava sul piano creativo e nei testi, essendo l’uno ispiratore dell’altro.

“Viveva a Cinisi e lo andavamo a trovare io e Giacomo Civilletti, ci raccontava le sue poesie. Gaspare lavorava con Scaldati per scrivere e anche per fare. Cucinella era fondamentale per il teatro di Scaldati, il vero interprete e storico collaboratore”, così lo ricorda l’attrice Aurora Quattrocchi.

Tra le sue poesie “Terra di Mulinazzu”, “I negghi si nni vannu”, “La fabbrica dei sogni”, “Mi piacissi essiri acqua”, “U vientu ‘ncapu u munnu”, “Guvernanti Truffaldini” e soprattutto “Vogghiu campari” lucida denunzia della mentalità del mafioso. Da ricordare i dialoghi con padre, come “La ballata del teatrante” e “I spaddi mi brucianu ancora”.

Gaspare Cucinella, fu anche ballerino di tip-tap dal 1970. Ed è stato massimo protagonista e interprete nelle opere più conosciute di Scaldati: “Il pozzo dei pazzi”, “Lucio”, “La Guardiana dell’acqua”, “Totò e Vicè” così come attore eccezionale di cinema e teatro, ricordato nelle straordinarie interpetazioni delle opere di Samuel Beckett.

Cucinella ha preso parte a vari film: Johnny Stecchino (di Roberto Benigni), Diario senza data (di Roberto Andò), Zampe dio (di Costa e Bonsangue), I Cento Passi, (di Giorgana), Il giorno di San Sebastiano (di Scimeca), Il consiglio D’ Egitto (di Grieco).

Matteo Bavera, direttore del Teatro Garibaldi di Palermo così lo ricorda in questo triste momento di dipartita: “Scaldati e Cucinella erano una coppia teatrale straordinaria e irripetibile. Ricordo quando Gaspare incontrò Benigni e lo chiamò Roberrto come se lo conoscesse da tanto. Il vento gli dava fastidio, ‘Un vento cuinutu’ diceva. Quando preparava il Pozzo de’ pazzi dimostrava la sua grande capacità ironica, la sua veracità e la superiorità dell’attore anche nei riguardi di registi affermati.”

Il grande pubblico lo ricorda per uno dei momenti fondamentali del film Johnny Stecchino, quando epiteta (il falso) Johnny quale “Assassino”, con quella grandiosa lingua di pezza e quella convinzione, quasi maniacale del siciliano medio falsamente acculturato, che si accoda all’inquietante linciaggio al pentito di mafia che potrebbe parlare.

Lui, che tra i siciliani, ha parlato e scritto della Sicilia con verità e poesia, e senza sconti. Con profonda coscienza, conoscenza e denunzia.

gaspar_01Nel giorno della sua assenza, lo vogliamo ricordare così, con la poesia nel quale descrive se stesso e il teatro, la “Ballata del Teatrante”:

Sugnu tiatranti scuppanti, vacanti, eleganti, birbanti, calanti, isanti,
ch’i vrachi a tiranti cu l’uocchi a punenti e a testa a livanti.
I suonna m’haiu ‘nsunnatu e u spirdu ‘ncurpuratu
nfinu a st’ ura nun ma lassatu.
Sugnu pueta du tiatru! Mi piaci tignari, ballari, cantari, sunari,
mmintari, mmintarimi a vita, mmintari l’amuri,
mmintari li ciuri, mmintari lu suli, mmintari la luna,
mmintari i cugghiuna, mmintari la morti d’arreri li porti!
Quannu me patri mi rissi “chi vò fari?” ci rispunnivu “vogghiu ricitari!”
Mi taliò cu l’occhiu favusignu
pinsannu ca iu fussi un figghiu calignu
ca nun vulissi travagghiari. Iu ti scippu a testa!”- mi ricia –
e ni spirugghiamu a liesta”
Minchiuni!!!! senza mancu accuminciari
già mi vulia ammazzari e iu nun sapia chi fari
pi putillu addumisticari.
. . . . . . . . . . . . . . . . . .
Passaru l’anni, iu avia vint’anni
e mi misi ‘nta sti panni pi putiri travagghiari,
appena appena pi campari, ma nienti potti fari:
U pitittu l’arrunzava, notti e jornu avvaragghiava
e me patri mi scriveva: Figghiu miu, torna, torna,
veni a rumpiti i corna”
Accussì turnavu ma travagghiu u nni truvavu.
Me patri mi campava, ma u tiatru a mia aspittava.
Mi chiamava ogni mumentu: “Veni, veni” mi ricia
mi chiamava e iu curria e abbrazzava tutt’u munnu.

Una stupenda selezione di poesie è disponibile nel sito www.nakataimpastato.com nella pagina: http://www.nakataimpastato.com/inner/khorakhane/pages/poesie.htm dove, cliccando sui titoli delle poesie è possibile ascoltarle con la sua voce accompagnata da chitarra.

Le foto in copertina e nel testo di questo articolo sono tratte dallo stesso sito, alla pagina:
http://www.nakataimpastato.com/inner/khorakhane/pages/gaspare.htm