Il campionato pirandelliano della squadra di Agrigento

 

Nella terra di Pirandello non poteva essere diversamente. L’Akragas, squadra di calcio di Agrigento, precisamente Società Sportiva Akragas Città dei Templi, tornata finalmente in Lega Pro (l’antica serie C) dopo 21 anni di assenza, è guidato non da un presidente, ma da due.

E sta coerentemente realizzando un campionato che sembra particolare, tortuoso, un poco paradossale. Lo dicono i numeri: dei 16 punti realizzati in 18 partite, 10 sono stati conquistati in trasferta e solo 6 in casa. Al momento, davanti ai propri tifosi, i biancazzurri hanno segnato 7 reti e ne hanno subite 20. In trasferta ne hanno segnate 5 e incassate 8. Sono adesso sette le sconfitte di fila collezionate all’Esseneto, impianto nel quale gioca in casa. L’ultima per 1-4 contro il Matera.

A questo punto arrivano le dimissioni del tecnico, Nicola Le Grottaglie. Ecco il comunicato apparso sul sito ufficiale della società:Luigi_Pirandello_1934b_media

“E’ con sommo rincrescimento che vi comunico la mia decisione di lasciare la guida tecnica dell’Akragas. Prendo questa decisione con molta sofferenza contro la volontà di una parte della società, ma con la consapevolezza di chi conosce le logiche del calcio e le esigenze di equilibrio di ogni umana impresa. Un ‘regno diviso non può durare’. Spero che in questo modo, la Società e l’ambiente sportivo ritrovino lo spirito ed il morale necessari al rilancio da tutti auspicato. Ringrazio la Società per la fiducia che mi ha concesso, i tifosi bianco-celeste che non hanno fatto mancare il loro sostegno all’Esseneto, la città di Agrigento che mi ha accolto con la mia famiglia, tutto lo staff per la vicinanza, ma soprattutto ringrazio i miei ragazzi, i miei uomini. A tutti voi il mio affettuoso saluto e l’augurio di un futuro ricco di successi”.

Dopo le dichiarazioni dell’allenatore Nicola Legrottaglie ecco il comunicato della dirigenza:

“I Presidenti Silvio Alessi e Marcello Giavarini, insieme al vice Peppino Tirri, a nome personale e di tutti i dirigenti in carica, ringraziano Nicola Legrottaglie per il lavoro svolto con grande professionalità e dedizione in questi mesi. Esprimiamo profonda gratitudine a Nicola che ha dimostrato abnegazione e amore verso i colori biancoazzurri. Per questo siamo certi che la sua decisione è stata sofferta ma, la legge del calcio legata ai risultati, ha di fatto creato questa situazione. A Nicola va un sentito ringraziamento per il lavoro svolto e per le grandi qualità umane messe a disposizione. Auguriamo a Nicola Legrottaglie, per il futuro, le migliore fortune professionali. Tutta la dirigenza in queste ore è impegnata nel dare una continuità tecnica alla squadra in modo che la stessa, possa raggiungere l’obiettivo stagionale e cioè la salvezza”.

La stagione era iniziata bene, con ben 13 punti nelle prime 7 giornate. Ma poi, nelle successive 11 partite l’Akragas ha collezionato 3 pareggi e 8 sconfitte, precipitando dalle prime posizioni al quart’ultimo posto. Se il campionato continua pirandellianamente, dovrebbe presto risalire e salvarsi. Almeno lo sperano i tifosi biancazzurri ai quali va la simpatia di tutti, specialmente di chi ama Pirandello.