La Germania spenderà 17 miliardi di euro per i rifugiati nel 2016

di Gabriele Bonafede

Quasi 17 miliardi di euro è la somma che i Länder (gli Stati regionali che compongono la Federazione Tedesca) spenderanno per accogliere e assistere rifugiati nel corso del 2016. La stima è stata fatta dal Die Welt, uno dei maggiori quotidiani tedeschi, sulla base di un sondaggio presso in ministeri delle finanze di ogni Länder.

La notizia è stata diffusa anche dalla maggiore agenzia di stampa in Germania, la Reuters.

La somma include le previsioni di bilancio di tutti i Länder che fanno parte della federazione tedesca, esclusa la libera città di Brema, che non ha fornito dettagli.

È una somma enorme, considerato che supera la spesa federale annuale assegnata al Ministero dell’Istruzione tedesco per istruzione e ricerca. Die Welt afferma anche che la somma è probabilmente sottostimata perché basata sull’arrivo di 800.000 rifugiati in Germania, mentre nuove stime portano la cifra a 950.000. Per farsi un’idea, la somma non è lontana dall’intero bilancio regionale della Regione Siciliana e dall’intero Pil della Bulgaria. Equivale al 5,4% dell’intero budget federale tedesco previsto per il 2016 che è di 312 miliardi (tabella a lato tratta dal Ministero delle Finanze della Federazione Tedesca).

Bilancio federale tedesco, tabella tratta dal sito del Ministero delle Finanze della Federazione Tedesca

Bilancio federale tedesco, tabella tratta dal sito del Ministero delle Finanze della Federazione Tedesca

Il Laender che prevede di spendere di più è la Renania-Vestfalia, con ben 4 miliardi di Euro. A seguire due stati meridionali della Germania: Baviera con 3,31 miliardi e Baden-Wurttemberg con 2,25.

È interessante notare che i tre stati federali maggiormente impegnati, Renania-Vestfalia, Baviera e Baden-Wurttemberg, sono retti da tre partiti diversi, rispettivamente SPD (socialdemocratici), CSU (cristiano sociali, partito regionale legato alla CDU della Merkel) e Verdi. Questi tre Länder contribuirebbero oltre 9 miliardi e mezzo, e cioè oltre la metà dell’intera somma.

Il Die Welt è un giornale d’ispirazione conservatrice e pone la questione anche come grande problema per la Germania. A livello politico c’è un acceso dibattito all’interno della CDU-CSU considerando che appunto in Baviera è retta da un partito che considererebbe lo sforzo di accoglienza in maniera critica.

La maggioranza dei rifugiati preferisce la Germania quale meta finale per ricostruirsi una vita scappando dagli orrori di guerre e persecuzioni. Il numero dei rifugiati, secondo le stime del Die Wlt, è quasi triplicato nel corso degli ultimi sei mesi, passando da circa 350.000 a oltre un milione.

I rifugiati accolti dalla Germania non comprendono solo quelli provenienti dalla Siria e dal Medio Oriente, che comunque sono la grande maggioranza, ma anche quelli provenienti da altre zone in guerra e in grande difficoltà, come l’Ucraina e molti Paesi asiatici e africani. La Germania è infatti tra i Paesi che ha accolto più rifugiati ucraini chiedenti asilo dalla Crimea e dal Donbass.

L’articolo del Die Welt, in tedesco con grafici, su questo link: http://www.welt.de/politik/deutschland/article150410362/Laender-zahlen-17-Milliarden-Euro-fuer-Fluechtlinge.html

Foto in copertina tratta dalla pagina faebook Genocide in Syria.