Sondaggi leader. Renzi e Alfano su, Grillo giù

di Gabriele Bonafede

Il sondaggio della Ixè sul gradimento dei leader politici mostra una forbice che si va allargando nel corso dell’ultimo mese (da metà novembre a metà dicembre) tra Renzi e Grillo.
Mentre il leader del PD e capo del governo tiene la fiducia per poi aumentare i consensi d’opinione nel corso dell’ultimo mese, Grillo scende sensibilmente.

Andamento fiducia nei leader politici iitaliani, da Istituto Ixé

Andamento fiducia nei leader politici iitaliani, pubblicato dall’Istituto Ixè

Renzi, sommando “abbastanza fiducia più molta fiducia, raggiunge il 34% il 18 dicembre con un incremento sostanziale nell’ultima settimana segnata dalla vicenda Boschi e varie questioni di politica internazionale. Grillo scende invece al 18% con una flessione sostanziale nell’ultimo mese.

Il più accreditato degli italiani rimane di gran lunga un siciliano, e cioè il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, con il 61%. A una quota che mantiene grosso modo da molti mesi, dopo il calo fisiologico successivo alla “luna di miele” nel periodo in cui è stato eletto.

Il leader politico nazionale che però cresce di più nelle ultime quattro settimane è un altro siciliano: Angelino Alfano, leader del Nuovo Centro Destra, che segna un’impennata fino al 16% dopo un periodo autunnale molto basso al di sotto del 10%.

Stabili gli estremisti: Salvini intorno al 24% e Landini al 17%. Mentre recupera molto Barlusconi tornando al 14% pur rimanendo molto al di sotto dei suoi “tempi d’oro” di alcuni anni fa.

In questo quadro, la consistenza di una destra democratica si rafforza ma i problemi dell’opposizioni rimangono molto pronunciati, anche in virtù dei litigi palesati negli ultimi tempi in Parlamento e altrove. Ma soprattutto, come si vede dall’andamento di questo sondaggio periodico, dalla mancanza ormai da molto tempo di un leader riconosciuto, democratico e non estremista.